Giornata nazionale della “Camminata tra gli olivi”: dal Trentino alla Sicilia i "regni" dell’oro verde
di Sabrina Quartieri
Camminata tra gli olivi (© Associazione nazionale Città dell'olio)
Una gita fuoriporta tra suggestivi paesaggi argentei, tappe in frantoio e assaggi di extravergine su bruschetta: domenica 28 ottobre, gli appassionati dell’oro verde nostrano potranno concedersi una rilassante “Camminata tra gli olivi”, grazie alla Giornata nazionale dedicata a queste piante secolari che, nell'“Anno del Cibo italiano”, torna per la seconda edizione con tanti itinerari nuovi. La manifestazione, organizzata dall'associazione “Città dell’olio” per incentivare l’oleoturismo, riparte dalle 20mila partecipazioni del 2017 e vede, stavolta, il coinvolgimento di 122 comuni e 18 regioni italiane.
 
 


Per scegliere quale percorso seguire, basta andare sul sito www.camminatatragliolivi.it e curiosare tra tutte le proposte, distribuite lungo lo Stivale dal Trentino fino alla Sicilia. Per quanto riguarda il Lazio, si può decidere tra quattro alternative. Optando per Rieti, ci si muoverà al seguito di una guida locale attraverso l’oliveto secolare del Monte, all’interno del Monumento Naturale Gole del Farfa (Mompeo Sabino). Durante l’escursione, inoltre, si visiterà un importante sito archeologico: i resti di una villa antica romana con gli ambienti destinati alla lavorazione dell’olio.
 
Nel Viterbese, invece, si esplorerà il territorio maremmano di Canino, a pochi chilometri dal confine con la Toscana. Un’area dominata da vigneti, coltivazioni a cereali e, ovviamente, piante di olivo. Dopo aver superato un oliveto storico, ci si concederà una degustazione di extravergine locale in un casale rurale. Ancora: in provincia di Latina, il protagonista di domenica 28 ottobre sarà il borgo di Lenola, con le sue dolci colline. Percorrendo il tragitto, i frantoiani e i proprietari delle aziende illustreranno ai visitatori le varietà di olivi della zona e le caratteristiche del prodotto. All’arrivo in piazza Vallebernardo, ci saranno gli stand per la degustazione dell’olio, delle olive in salamoia e di altri prodotti tipici. 
 
Infine, nell’area di Frosinone, si andrà alla scoperta del territorio di Sant’Elia Fiumerapido. Partendo dal centro storico, si visiteranno la “Cartiera”, la Chiesa di Santa Maria in Palombara e quella di Santa Maria Maggiore, con gli affreschi di pregio del XIV e XV secolo. La Camminata proseguirà costeggiando possenti mura e argentei oliveti, per terminare con un’interessante visita in un frantoio, scrigno di tutti i segreti della macinazione e della spremitura delle olive. La manifestazione in programma è stata presentata a Roma al Ministero per i Beni e le Attività culturali dal direttore generale Francesco Palumbo e dal presidente dell’Associazione nazionale “Città dell’olio” Enrico Lupi.

«La nuova edizione è la conferma di una scelta e la responsabilità di un percorso che intreccia il valore delle coltivazioni e dei prodotti, e la preziosa passione dei loro custodi, gli olivicoltori – ha spiegato Lupi – Al nostro impegno, rinnovato con l’edizione 2018 della “Camminata”, si affianca quello delle autorità italiane ed europee». Come ha aggiunto Palumbo, infatti, «la sfida che abbiamo di fronte è generare innovazione nel turismo italiano. L’idea di cibo deve diventare una ‘chiave’ per leggere i diversi territori italiani, le persone che vi abitano e che coltivano e producono grazie a queste terre. Introducendo così una dinamica di relazione tra turista, cittadino e produttore», ha concluso.
 
Giornata nazionale della “Camminata tra gli olivi”: nel regno dell’oro verde tra frantoi e piante secolari
Planisfero
Fotogallery