Spagna, il declino dell'ex paradiso delle vacanze: «Turisti drogati e rapinati a Benidorm»
L'ex paradiso balneare diventato inferno: ¬ęTuristi drogati e rapinati, fate attenzione¬Ľ
BENIDORM - Da meta turistica di culto a incubo per i viaggiatori provenienti da tutta Europa: una triste parabola discendente, quella che ha coinvolto una delle località balneari più famose del nostro continente, che da decenni viene visitata da migliaia e migliaia di turisti, non solo nel periodo estivo. Stiamo parlando di Benidorm (Alicante), città della costa valenciana, in Spagna. Tra gli anni '70 e '80, Benidorm era diventata una delle mete preferite dai turisti di tutta Europa, grazie alla bellezza delle sue spiagge e alla movida. Oggi, però, la realtà è decisamente diversa: pesanti investimenti nel corso degli anni hanno portato alla costruzione di imponenti grattacieli, volti a favorire un turismo di massa.

Farmaci salva-vacanze: ecco quali mettere in valigia
 
Questa, però, è forse la conseguenza meno grave. Come riporta il Mirror, infatti, Benidorm sta diventando un luogo molto pericoloso per i turisti, che arrivano soprattutto dal Regno Unito. Diversi viaggiatori, infatti, hanno denunciato una serie di fatti molto gravi: un turista inglese, ad esempio, è stato vittima di una rapina dopo che qualcuno aveva messo della droga nel suo cocktail. Gli amici avevano denunciato immediatamente la sua scomparsa, salvo poi trovarlo svenuto in spiaggia, senza portafogli, cellulare e scarpe. Le autorità inglesi e quelle spagnole hanno invitato i turisti a stare molto attenti e a non perdere mai d'occhio i drink che vengono consumati fuori e dentro i locali. L'allarme, però, non si ferma qui: a dilagare sono anche fenomeni come borseggi, rapine e adescamenti da parte di finte prostitute pronte a derubare i turisti. Le denunce sporte dai visitatori, d'altronde, confermano una situazione decisamente preoccupante: da tempo, a Benidorm come in altre località della Spagna, esiste una microcriminalità che non si fa scrupoli a rubare denaro, bagagli, oggetti personali e passaporti.
 
Camminare sul Pollino, tra aquile, pini loricati e Preistoria
Planisfero
Fotogallery